Il canonico Corradino Cavriani

GIUSEPPE RAZZETTI (1801-1888)

Olio su tela, c. 1860

Inv. 951. Dono degli eredi di Aliana Marsigli Rossi Lombardi Cavriani.

Corradino Cavriani, esponente di una delle più antiche e illustri famiglie mantovane, prima canonico della Cattedrale di Mantova, in seguito divenne nel 1871 vescovo di Ceneda (oggi Vittorio Veneto). Nel ritratto poggia la mano su uno dei tre volumi in cui fu pubblicata, nel 1850-52, la sua traduzione della Storia ecclesiastica, ossia Storia universale della Chiesa cristiana, di Johannes Baptist Alzog. Il rapporto tra il presule e l’artista è confermato da un documento in cui Corradino Cavriani affida il restauro della grande tela del Concilio di Trento, esposta al museo, a Giuseppe Razzetti.

Il palazzo Cavriani sede mantovana dell’omonima famiglia.
Giuseppe Razzetti – Ritratto di Corradino Cavriani
Share

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi