Morte di Santa Cecilia

Olio su tela, c.1650

Inv. 669. Dalla chiesa parrocchiale di Carbonarola Po.

Il dipinto si ispira alla celebre statua di Stefano Maderno, che riproduce il corpo della santa martire del II-III secolo come fu ritrovato nel 1599, nella basilica romana a lei dedicata. Lo sconosciuto pittore l’ha immaginata morente dopo i tre colpi di scure che non erano valsi a decapitarla, mentre due pie donne la assistono, una asciugandole il sangue con una spugna e l’altra strizzando la spugna in un vaso. Si notino i raggi di luce provenienti dall’alto, segno della gloria celeste che la attende. Un tempo il dipinto era attribuito a Suor Orsola Caccia autrice dell’altra tela conservata al museo proveniente dalla medesima chiesa, “Le nozze mistiche della Beata Osanna Andreasi”.

Stefano Maderno “Santa Cecilia” Basilica di Santa Cecilia in Trastevere, Roma.
Morte di Santa Cecilia
Share

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi