Ultima cena

Olio su tela, c. 1700

Inv. 646. Deposito del Comune di Mantova.

Il grande dipinto, già attribuito a Giuseppe Orioli, certamente proviene dal refettorio di uno dei monasteri e conventi soppressi sul finire del secolo XVIII; si ipotizza, dal primo monastero femminile mantovano dell’ordine benedettino dedicato a San Giovanni Evangelista (più noto come San Giovanni delle Carrette). La scena è focalizzata sulla contrapposizione tra Giuda il traditore (riconoscibile dalla bisaccia alla cintura) e la figura simbolica del cane bianco ai piedi della tavola. Giuda, vestito di nero vi si contrappone cromaticamente. L’artista lo immagina rovesciare la saliera, a significare che col tradimento egli respinge la missione assegnata dal Maestro agli apostoli (“Voi siete il sale della terra”: Matteo 5,13). Gli altri apostoli invece sono rappresentati come i fedeli in attesa di essere comunicati e Cristo, che spicca per i colori delle vesti, distribuisce il pane come il sacerdote durante la messa.

Una curiosità suggerisce l’origine mantovana, o quanto meno padana, del dipinto: tra i cibi sulla tavola è anche una grossa fetta di formaggio grana.

Cerchiato in rosso il monastero di San Giovanni delle carrette riprodotto nella mappa di Mantova di Gabriele Bertazzolo (1628)
Ultima cena
Share

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi