Inv. 91, 462

La situla è un secchiello per l’acqua santa, che viene aspersa in diverse celebrazioni liturgiche. In forma leggermente rastremata, come è la zanna da cui deriva, presenta sotto arcatelle Matteo, Marco, Luca e Giovanni intenti a scrivere i vangeli, orientati verso la Madonna col Bambino in trono; singolare il manico, con due belve che azzannano una testa umana. Quest’opera raffinata è una variante della celeberrima Situla di Gotofredo ammirabile nel Tesoro del duomo di Milano: l’arcivescovo Gotofredo la fece realizzare negli anni tra il 974 e il 979, come dono votivo – dice la scritta sul bordo superiore – a Sant’Ambrogio. L’ammirazione per la situla milanese ha portato in ogni tempo a farne copie, tra le quali è quella in bronzo qui esposta, realizzata a Bruxelles nel 1670.

situla_di_gotofredo
La situla di Gotofredo.
Situla in avorio e situla in bronzo
Share

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi